Biotecnologia: il futuro della cosmetica

– Valeria Nidoli

Biotecnologia: il futuro della cosmetica

Biotecnologia: il futuro della cosmetica

Come è possibile che alcune piante sopportino una forte radiazione solare e condizioni ambientali estreme? Nel corso degli anni, la natura non solo resiste, ma fiorisce contro le avversità.

Non sarebbe meraviglioso se potessimo fare qualcosa di simile per prolungare la nostra salute?

"La natura ci insegna, noi impariamo da essa ed è nostro compito trasformarla in prodotti dall'efficacia reale e provata, che funzionano e risolvono i bisogni di ogni pelle".

-Monica Lizondo, fondatrice di Segle Clinical.

Ci sono organismi che per millenni hanno dimostrato la loro efficacia nel sopravvivere in ambienti estremi producendo ingredienti che li hanno resi molto più resistenti. E oggi, grazie alla biotecnologia, possiamo estrarre questi principi attivi e applicarli alla nostra pelle per trarne tutti i benefici.

Includere gli attivi biotecnologici nella tua routine del viso ti permetterà di avere ingredienti adatti a tutti i tipi di pelle, e garantirà effetti più in profondità. Inoltre, sono completamente naturali e realmente ecosostenibili.

Il segreto? Questi processi biotecnologici per ottenere nuovi principi attivi non richiedono grandi aree di terreno coltivabile o consumo di acqua, sono privi di pesticidi ed erbicidi e riducono significativamente l'impronta di carbonio.

In Segle Clinical, la biotecnologia è il nostro alleato, che ci permette di immaginare, creare e sviluppare prodotti nuovi e più efficaci.

Un'eredità dell' umanità

Anche se la definizione di "biotecnologia" può sembrare complessa, il fatto è che è già profondamente integrata nella nostra vita. Infatti, le civiltà antiche lo utilizzavano nella loro vita quotidiana:

  • Il formaggio (probabilmente il primo prodotto biotecnologico) è stato fatto aggiungendo caglio (un enzima) al latte acido.
  • I birrai babilonesi la usavano per preparare la birra.
  • Il vino si ottiene attraverso il processo di fermentazione di alcuni batteri.
  • Gli Aztechi usavano l'alga Spirulina per fare dolci.
  • Cleopatra ha scoperto i benefici degli alfa-idrossiacidi quando incluse i bagni nel latte d'asina nella sua routine di bellezza.

Da dove vengono i nostri ingredienti biotecnologici?

La cosmetica è uno dei campi più innovativi della biotecnologia odierna. In Segle Clinical usiamo ingredienti estratti dalle piante (biotecnologia verde) e dal mare (biotecnologia blu) nelle formule dei nostri prodotti.

Vital C - Linea a base di vitamina C antiossidante, antistress e idratante.

Nella formulazione di Vital C abbiamo incluso la Chlorella emersonii, un'antica microalga verde che proviene dai laghi ghiacciati dei Pirenei dove è stressata dalle basse temperature e dalla quasi assenza di luce. Quest'alga produce una serie di antiossidanti attivi con una grande capacità di eliminare i radicali liberi, che sono i promotori dell'invecchiamento prematuro della pelle. Utilizzando la biotecnologia blu, abbiamo reso questi ingredienti parte della nostra linea Vital C per il loro effetto anti-stress.


Blue Balance - Protezione dalla luce blu, linea sebo-regolatrice

Nella linea Blue Balance troviamo la Spirulina maxima, un'alga africana con un alto contenuto di nutrienti e fitoattivi. Quest'alga sintetizza, tra l'altro, pigmenti ficocianinici ed enzimi fotolitici per difendersi e sopravvivere a fattori esterni sfavorevoli. Grazie alla biotecnologia blu siamo in grado di isolare questi principi attivi (che possono essere considerati come filtri biologici) e utilizzarli nella nostra linea Blue Balance per prevenire gli effetti nocivi della luce blu e stimolare la funzione di barriera della pelle in modo naturale.


Schiuma anti-inquinamento - Detergente delicato per tutti i tipi di pelle

Nell'ecosistema Kopara della Polinesia francese troviamo Alteromonas macleodii che producono exo-polisaccaridi che agiscono come una pellicola protettiva o uno scudo contro lo stress ambientale e le condizioni di vita estreme in cui vivono (come la radiazione UV, i cambiamenti di pH o la salinità).

Utilizzando processi sostenibili di biotecnologia blu, otteniamo l'Attivo Anti-inquinamento PM 2.5 che includiamo nella formula della nostra Schiuma Detergente. L'attivo anti-inquinamento aiuta ad evitare che le più piccole particelle di inquinamento passino attraverso la pelle.


Siero Tinolvital - Trattamento notte anti-età trasformante

Una delle applicazioni più interessanti della biotecnologia bianca sono i processi biomimetici, che permettono di ottenere ingredienti identici a quelli prodotti dal nostro corpo in un modo nuovo, più efficiente e completamente naturale. Attraverso la biotecnologia, possiamo produrre molecole come l'acido ialuronico identiche a quelle prodotte dalle cellule della pelle.

Nel caso del Saccharomices cerevisiae da substrati di origine vegetale come la soia e il lievito di birra, è in grado di sintetizzare peptidi o proteine che utilizziamo nei sieri Tinolvital o Glicano Skin che prolungano la longevità delle cellule cutanee e quindi prevengono l'invecchiamento precoce della pelle.


Skin Factor - Siero rigenerante per tutti i tipi di pelle

La Nicotiana Benthaniama cresce su terreni poveri e colline rocciose nella parte più aspra dell'Australia. Grazie alla biotecnologia verde, possiamo utilizzare questa pianta come una biofabbrica per produrre molecole di interesse cosmetico e farmaceutico come i fattori di crescita, proteine che accelerano i processi naturali di guarigione delle ferite e di rigenerazione della pelle. Nella gamma Skin Factor, sfruttiamo il potere rinnovatore dei fattori di crescita per rigenerare la pelle danneggiata, irritata o sensibile e per migliorare la texture e levigare le rughe.

Contrassegnato : antiaging, Biotecnologia, Biotecnologia blu, blog_filter_Biotecnologia, Cosmetica, cruelty free, Routine di bellezza, routine di sieri, Routine viso, sostenibilitá

0 commento

Lascia un commento

Tutti i commenti del blog sono controllati prima di essere pubblicati.