Come scegliere una protezione solare?

– Valeria Nidoli

Come scegliere una protezione solare?

Come scegliere una protezione solare?

Qual è la protezione solare più efficace?

È necessario ricordare che l'uso quotidiano della protezione solare non è facoltativo se si vuole conservare più a lungo la giovinezza della pelle, ma soprattutto se si vuole prevenire il tumore della pelle.

Tuttavia, quando si tratta di acquistare una protezione solare, ci si può sentire un po' confusi. Anche l'etichetta non aiuta molto, poiché SPF, codici e altre frasi risultano spesso poco esplicite.

Per aiutarti a navigare nel mare di marche, prodotti e caratteristiche, semplificheremo tutto questo e ti aiuteremo a scegliere la protezione solare più efficace per te.

Come scegliere una protezione solare

Conosci il tuo fototipo

Non tutte le pelli sono uguali: la quantità di melanina che abbiamo condiziona il nostro comportamento al sole. Per questo è importante conoscere il proprio fototipo, che determina il tipo di protezione solare da utilizzare.

Esistono 6 fototipi di base, determinati da caratteristiche quali il colore degli occhi, dei capelli e della pelle:

✔️Fototipo I: pelle molto chiara, capelli chiari o rossi, occhi verdi o azzurri. Lentiggini e scottature facili. Non si abbronza mai, diventa solo rossa. Si consiglia un SPF 50.

✔️Fototipo II: pelle chiara con lentiggini, capelli biondi o rossi e occhi blu o marroni che si abbronza lentamente, ma si brucia con facilità. SPF 50

✔️Fototipo III: pelle chiara, capelli biondi o castano chiaro e occhi verdi o marroni. Non si brucia frequentemente, può abbronzarsi. SPF 50

✔️Fototipo IV: pelle scura, capelli scuri o castani. Occhi scuri. Non si brucia quasi mai, si abbronza facilmente. SPF 30

✔️Fototipo V: pelle marrone più scura, capelli neri. Occhi scuri. Raramente brucia. L'abbronzatura è intensa e facilmente acquisibile. SPF 30

✔️Fototipo VI: pelle nera, capelli neri. Non si scotta al sole, anche se il sole puó comunque provocare danni, la pelle si abbronza diventando piú scura. SPF 30.

Scegliere il giusto SPF

L'acronimo SPF, solitamente accompagnato da un numero, significa Sun Protection Factor o fattore di protezione solare UVB. L'idea è che più alto è l'SPF, migliore sarà la protezione della crema solare, ma si tratta di un'idea sbagliata, poiché il numero si riferisce alla durata dell'esposizione al sole senza il rischio di scottature (dovute ai raggi UVB).

Se una protezione solare ha un SPF 30, significa che se una persona impiega circa 10 minuti per iniziare a scottarsi se esposta alla luce diretta del sole, l'applicazione di una protezione solare SPF30 richiederà 30 volte quel tempo, cioè 300 minuti o 5 ore.

L'SPF deve essere scelto in base al fototipo di pelle di ogni persona, ma è molto più semplice acquistarne sempre uno con SPF 30 o 50.

Un altro aspetto da tenere presente è che dopo l'SPF50 l'efficacia della protezione solare rimane pressoché invariata. Se si acquista una crema solare con SPF 100 (che di solito sono anche molto più costose) non ci sarà molta differenza rispetto a una con SPF 50.

La confezione deve riportare la dicitura Ampio spettro

Questa parte è FONDAMENTALE. Ricordate che i raggi solari sono composti da diversi tipi di radiazioni ultraviolette, tra cui i raggi UVA e UVB. I raggi UVB sono in gran parte assorbiti dall'atmosfera, ma i pochi che ci raggiungono sono responsabili di bruciare rapidamente la pelle, oltre a colpire le cellule cutanee e causare un invecchiamento precoce.

Le radiazioni UVA sono le più pericolose perché, anche se non vengono percepite immediatamente, non vengono fermate, ad esempio, dai vetri delle finestre. Ció ha un effetto cumulativo, provoca macchie, distrugge il collagene, colpisce le cellule della pelle, accelera il processo di invecchiamento ed è la causa principale del terribile tumore della pelle

Quasi tutte le creme solari proteggono dai raggi UVB, ma non tutte dai raggi UVA. Il flacone della protezione solare dovrebbe indicare che è ad ampio spettro, il che significa che protegge da tutti i tipi di radiazioni, tra cui UVA, UVB, luce blu e altri. Se non è ad ampio spettro, indica che protegge solo dalle scottature solari.

Altri simboli che si possono trovare sull'etichetta

HEVL (o luce visibile), che indica che protegge dalla luce visibile prodotta dal sole e dagli schermi di computer e telefoni.

PA+ (o con più segni +) indica il livello di protezione dai raggi UVA. Maggiore è il numero di +, più alta è la protezione.

Dove e quando applicare la protezione solare

Una crema solare che si usa su tutto il corpo mentre si fa il bagno in spiaggia non è la stessa cosa di una crema solare che si usa ogni giorno, sotto il make-up, per andare al lavoro. Accettalo: la protezione solare quotidiana non è facoltativa, è obbligatoria. Pertanto, è necessario acquistarla tenendo conto di questo aspetto. Esistono molte presentazioni: creme, gel, spray e persino stick, prova fino a trovare la tua preferita.

Per il viso, è consigliabile utilizzare una protezione solare dalla texture leggera, da usare quotidianamente sotto il make-up. Non aver paura di provarne diverse, l'idea è di trovarne una con una consistenza ideale che si possa usare tutti i giorni senza che dia fastidio. D'altra parte, se si deve nuotare o sudare, è consigliabile acquistare una protezione solare impermeabile.

Dove e quando applicare la protezione solare

Di norma, dovremmo applicare la protezione solare almeno 20 minuti prima di uscire, in modo che la pelle possa assorbirla correttamente. Altrettanto importante è la quantità (2 mg per cm2), quindi siate generosi nell'applicazione. Il suo rinnovamento dipende da vari fattori, come la sudorazione, lo sfregamento contro gli indumenti, se si fa il bagno o si fa sport... Esistono creme che dichiarano di essere resistenti all'acqua, ma questo non significa che non dovrete rinnovarle in seguito. In ogni altro caso, il tempo che gli esperti della pelle calcolano è di 2 ore per rinnovare la crema solare e garantire una protezione efficace. E se la protezione solare è resistente all'acqua, significa che manterrà il 50% del fattore di protezione dopo 2 bagni di circa 20 minuti. È meglio riapplicare la crema ogni volta che si esce dalla piscina o dal mare.

Anche se si prendono tutte le precauzioni del caso, si raccomanda di evitare l'esposizione diretta nelle ore centrali della giornata (12-18). Anche quando è nuvoloso, i raggi solari attraversano la nostra pelle e i danni sono ancora presenti.

Contrassegnato : blog_filter_novitá, blog_filter_Skincare, Crema solare, Estate, fotoinvecchiamento, luce blu, Protezione solare, Routine estate, Routine estiva, SPF, SPF50

0 commento

Lascia un commento

Tutti i commenti del blog sono controllati prima di essere pubblicati.